Ambiente e Sicurezza

Qui di seguito trovate il link per accedere al portale della Regione Lombardia “Sistemi verdi e paesaggio”:

http://www.sistemiverdi.regione.lombardia.it/cs/Satellite?c=Page&childpagename=DG_Ambiente%2FDGHomeLayout&cid=1213277046401&pagename=DG_QAWrapper

Indice sottosezioni

Regole per il taglio dei boschi

Dati necessari denuncia taglio boschi

 DENUNCE TAGLIO BOSCHI

Essendo sospeso, in applicazione del D.P.C.M. del 8.3.2020 lo sportello per la redazione delle denunce taglio boschi, per andare incontro alle necessità dei cittadini è stata individuata una modalità alternativa.

  1. Il richiedente dovrà compilare in ogni sua parte il sottostante modello, ed eventualmente la delega del proprietario, siglata dallo stesso, qualora dovuta.
  2. Il modello dovrà essere restituito alla Comunità Montana all’indirizzo m.spadoni@lariointelvese.eu
  3. L’operatore della C.M. provvederà ad inserire i dati forniti nel sistema regionale, a protocollare il documento ed a restituirlo sempre attraverso la posta elettronica

MODULO ISTANZA DI TAGLIO BOSCO

Delega necessaria se chi presenta la domanda non è proprietario del bosco qui di seguito scaricabile:

DELEGA PER ISTANZA TAGLIO BOSCO

**************************

Raccolta funghi sul territorio della Comunità Montana Lario Intelvese

SU TUTTO IL TERRITORIO DELLA COMUNITÀ MONTANA LARIO INTELVESE LA RACCOLTA DEI FUNGHI È A TITOLO TOTALMENTE GRATUITO E NON È NECESSARIO ESSERE IN POSSESSO DI ALCUN TESSERINO.
RESTANO IN VIGORE LE REGOLE SULLE MODALITÀ DI RACCOLTA (PULIZIA SUL POSTO, DIVIETO SPORTAZIONE HUMUS E TERRICCIO, TRASPORTO IN CONTENITORI AREATI) E SULLE QUANTITÀ (3 KG/GIORNO PER OGNI RACCOGLITORE). PER MAGGIORI DETTAGLI VEDI SINTESI MODALITÀ GENERALI
ATTUALMENTE NON E’ PREVISTO IL RILASCIO DI ALCUN TESSERINO IN ALCUN COMUNE DEL TERRITORIO LARIOINTELVESE
===============

Con l’approvazione della legge n. 16 del 25 maggio 2015 e a la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale Regione Lombardia (BURL) delle modalità applicative allegate, Regione Lombardia stabilisce che la raccolta dei funghi è gratuita su tutto il territorio regionale.

Tuttavia, per tutelare la biodiversità, il patrimonio boschivo e valorizzare le risorse naturali, i comuni ricompresi nel territorio delle Comunità Montane e gli Enti gestori dei Parchi situati al di fuori del territorio delle Comunità montane, possono richiedere il pagamento di un contributo (giornaliero 5 euro, settimanale 10 euro, mensile 20 euro, annuale 30 euro).

Le nuove regole stabiliscono che i Comuni, esclusivamente in forma associata, tramite le Comunità montane, possono regolamentare la raccolta, prevedendo dei pagamenti a fine di compensazione ambientale e le eventuali esenzioni secondo le modalità e i limiti definiti dai “Provvedimenti attuativi per la raccolta dei funghi epigei in Lombardia” approvati con DGR n. 3947 del 31 luglio 2015 Giunta regionale .
L’abilitazione alla raccolta, ove richiesta, è rappresentata dalla ricevuta di versamento del importo dovuto.

I contributi riscossi saranno utilizzati per:

  • interventi di miglioramento ambientale, tutela del patrimonio boschivo e della biodiversità e valorizzazione delle risorse naturali;
  • attività di informazione e didattiche in materia ambientale e micologica;
  • interventi di trattamento del bosco per il miglioramento della produzione fungina;
  • ripristino e miglioramento di strade esistenti, manutenzione dei sentieri;
  • prevenzione degli incendi boschivi;
  • espletamento delle funzioni di vigilanza e di funzioni amministrative.

Ad oggi solo sei delle 23 Comunità montane si sono organizzate in tal senso: La Comunità montana di Valle Camonica,  quella di Valle Brembana, quella del Sebino bresciano, quella di Scalve, quella dell’Oltrepo Pavese e quella di Valle Seriana e tra i Parchi di pianura il Parco del Ticino ed il Parco Pineta.

Il permesso ha validità locale. Le informazioni su validità, costi e modalità di pagamento si trovano sui siti delle Comunità montane e dei Parchi. Ad ogni modo prima di andare a funghi è opportuno informarsi della eventuale necessità del permesso, presso le comunità montane o i parchi del luogo.

Naturalmente su tutto il territorio regionale valgono le regole per la raccolta funghi previste dalla legge regionale 31/2008 e sono raccomandati un abbigliamento adeguato e la massima prudenza.
Vi ricordiamo infine che la consulenza degli ispettorati micologici dell’ASL è gratuita, in caso di dubbi anche minimi sulla commestibilità dei funghi raccolti approfittate di questo servizio.

Le Comunità Montane e gli Enti gestori dei parchi devono, entro il 31 gennaio di ogni anno comunicare alla Direzione Generale Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi, il numero complessivo e la tipologia dei permessi rilasciati nell’anno precedente.

Informazioni
Direzione Generale Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi
Unità Organizzativa Sviluppo di Sistemi Forestali, Agricoltura di Montagna, Uso e Tutela del Suolo Agricolo e Politiche Faunistico-Venatorie
Struttura Sviluppo delle Politiche Forestali e Agroambientali
Elisabetta D’Ambrosi
tel +39 02 6765 2550
email: Elisabetta_DAmbrosi@regione.lombardia.it

vedi anche Comunicato Regionale n.52/2015

**************************

  1. C.F.L.I.
  2. Gruppi Antinc. Boschivo
  3. G.E.V.
  4. Gr. Sovrac. Protezione Civile
  5. Corpo Naz. Soccorso Alpino
  6. Vigili del Fuoco Volontari
  7. Regole per la RACCOLTA FUNGHI: nessun Comune, in forma associata o per tramite della CM, ha disposto una qualsivoglia forma di pagamento; quindi  valgono le regole del 2015 da quando è entrata in vigore la modifica della L.31: anche per il 2021 la raccolta funghi è gratuita!